Compravendita. Art. 1491 codice civile: l’esclusione della garanzia non opera quando la consegna della merce avvenga in un momento successivo alla conclusione del contratto.

Executive Design Mobili Contemporanei

Compravendita. Art. 1491 codice civile: l’esclusione della garanzia non opera quando la consegna della merce avvenga in un momento successivo alla conclusione del contratto.

cassazione civile, sezione II, 18.11.2016 n. 23521

In fatto. La Sig.ra [X] conveniva in giudizio l’impresa [Y] per sentire dichiarare la risoluzione per inadempimento del contratto di acquisto di arredi stipulato verbalmente e per ottenere la conseguente condanna della convenuta alla restituzione del prezzo di acquisto del mobilio risultato, alla consegna, difettoso, oltre al risarcimento del danno. Il Tribunale adìto rigettava la domanda ritenendo i vizi dei beni venduti facilmente riconoscibili dalla compratrice, la quale, prima del perfezionamento del contratto di acquisto, aveva verificato le condizioni del mobilio, che le era stato venduto ad un prezzo notevolmente scontato rispetto al prezzo di listino. Proposto appello dalla [X], sulla base della [asserita] erroneità della decisione del giudice di primo grado a fronte della inapplicabilità alla fattispecie della garanzia per i vizi della cosa venduta, la Corte territoriale  rigettava l’appello affermando che, essendo il mobilio in esposizione presso il punto vendita, era agevolmente visionabile ed ispezionabile, di talché i vizi dei beni erano agevolmente riconoscibili dalla compratrice prima del perfezionamento del contratto di acquisto, non risultando, peraltro, che il venditore ne avesse escluso la sussistenza. Da ciò, agli effetti dell’art. 1491 c.c., l’inoperatività della garanzia per i vizi ex art. 1490 e il rigetto della domanda di risoluzione per inadempimento. Non rimaneva alla soccombente che rivolgersi alla Suprema Corte di Cassazione, affidando il proprio ricorso a tre motivi.

In diritto. Gli Ermellini, peraltro inserendosi nel solco tracciato dalla giurisprudenza di legittimità, hanno ritenuto fondato, e quindi accolto, il primo motivo di ricorso con il quale la ricorrente aveva dedotto, per quanto qui rileva, la violazione e falsa applicazione degli artt. 1490, 1491 e 1497 c.c., a mente dei quali l’esclusione della garanzia per i vizi della cosa venduta nell’ipotesi di conoscenza o di riconoscibilità dei vizi stessi da parte dell’acquirente, prevista dall’art. 1491 c.c., non opera quando, come nella specie, la consegna dei beni sia successiva alla stipulazione del contratto.

Il giudici di Piazza Cavour, ricordando che la Corte di Appello aveva attribuito la responsabilità all’acquirente per la riconoscibilità dei vizi al momento della conclusione del contratto, trattandosi di mobilia esposta e perciò visionata nel negozio del venditore, hanno quindi ritenuto di dare continuità alla interpretazione seguita dalla Suprema Corte secondo cui, «nel contratto di compravendita, l’art. 1491 c.c. – in base al quale il venditore non è tenuto alla garanzia per i vizi della cosa venduta ove questi siano facilmente riconoscibili al momento della conclusione del contratto – non opera quando la consegna della merce sia successiva a tale conclusione Qualora, invero, la consegna della merce sia successiva alla conclusione del contratto, come nel caso in esame, ai fini dell’esclusione della garanzia di cui all’ultima parte dell’articolo 1491 c.c., la facile riconoscibilità dei vizi della cosa venduta deve essere, piuttosto, verificata con riferimento non al momento della conclusione del contratto, bensì a quello in cui il compratore abbia ricevuto la merce, in questo momento soltanto potendo egli esaminare lo stato in cui essa si trova (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 8880 del 18/04/2011; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 8192 del 03/04/2009; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 851 del 26/01/2000)».

La parola, dunque, al giudice del rinvio.

Condividi sui socials:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *